Riteg Bank va a scuola d’impresa.

Il dott. Leo illustra l’innovativo software per l’anatocismo e l’usura nel portale dedicato alla formazione su economia e management aziendale

 

Come nasce e come si è sviluppata l’idea di Riteg

Riteg Bank è l’innovativo software concepito per analizzare rapporti bancari. Nasce dall’esigenza di avere uno strumento dedicato, completo ed affidabile che assista i consulenti nell’espletare incarichi in materia di contenzioso bancario, ma allo stesso tempo che possa supportare i CTP dei correntisti nella opposizione al decreto ingiuntivo o al precetto. Il software consente di analizzare tutte le tipologie di aperture di credito in conto corrente, le carte di credito revolving e i rapporti di credito a rimborso rateale.

 

Che cos’è Riteg Bank?

Riteg Bank è un software in cloud che partendo dai dati del contratto, dell’estratto conto e del conto scalare consente di verificare l’usurarietà, di rideterminare il saldo dare/avere tra le parti e l’anatocismo maturato durante tutto il rapporto.  Consente di rispondere a qualsiasi tipologia di quesito posto dal magistrato e consente anche ai consulenti dei correntisti di opporsi alla richiesta di rientro e al decreto ingiuntivo andando a verificare l’operato dell’istituto di credito. Sia in ambito originario, e quindi verificando il rispetto delle condizioni contrattuali, sa durante lo svolgimento del rapporto.

 

Per quali professioni è indicato?

Data la sua facilità di utilizzo e versatilità, Riteg Bank è indicato per professionisti e consulenti in qualità di CTU e CTP che hanno la necessita di analizzare rapporti bancari al fine di redigere una perizia tecnico-contabile. Riteg Bank oltre a produrre tutti i calcoli utili alla perizia, produce una corposa documentazione a supporto dei calcoli prodotti. In questo modo il consulente potrà redigere la perizia senza doversi preoccupare di produrre i calcoli con strumenti obsoleti e poco adatti quali fogli di calcolo o tool online. Inoltre il livello di dettaglio dei report consente di comprendere velocemente la natura dei calcoli dimostrando la loro fondatezza ed esattezza.

 

Quali sono i motivi per i quali i professionisti dovrebbero utilizzare questo software e non excell?

Riteg Bank, a differenza di excel non è un banale foglio di calcolo ma software concepito ed implementato per analizzare rapporti bancari. A differenza di excel sviluppa calcoli molto complessi in maniera facile e veloce adottando tutta una serie di meccanismi atti ad evitare calcoli inconsistenti per via di errori di inserimento dati. Con Excel capita spesso di digitare date o importi errati senza che l’utente lo noti. Riteg Bank prima di ogni calcolo effettua una serie di controlli di ambiente al fine di verificare la congruità dei dati immessi.
In Riteg Bank, grazie agli accorgimenti presi, è possibile inserire almeno 1.000 operazioni in una giornata lavorativa poichè, anche l’inserimento dati è stato ottimizzato per ridurre al minimo i tempi di caricamento.

 

Come risponde alle esigenze?

A differenza degli altri applicativi Riteg Bank è molto intuitivo nell’utilizzo. Non richiede lo studio di manuali o la perfetta conoscenza di tutta la normativa bancaria per  effettuare calcoli di base. Inoltre, nelle principali schermate, sono presenti dei brevissimi video illustrativi che mostrano come utilizzare al meglio il software. Insomma, è un applicativo ad un piccolo prezzo, ma di grande qualità. E’ possibile acquistarlo mensilmente senza obbligo di rinnovo, di mese in mese ogni utente potrà decidere se rinnovare la licenza o meno senza perdere i dati inseriti.

Quali sono le ambizioni, le sfide e le potenzialità del software?

La duttilità del software Riteg Bank lo rende uno strumento vicino alle esigenze di tutti coloro che necessitano di analizzare strumenti finanziari come aperture di credito,  prestiti a rimborso rateale, leasing, carte di credito revolving. Questa duttilità lo rende strumento ideale per aziende, consulenti ed anche istituti di credito. Le aziende possono verificare se l’operato della banca è in linea con le pattuizioni sottoscritte. I consulenti potranno espletare i propri incarichi sia in qualità di CTU che di CTP. Le banche potranno, invece, dimostrare la legittimità del proprio operato.

 

Per la versione integrale dell’intervista potete consultare la pagina del sito https://www.ascuoladimpresa.net/ cliccando quì

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com