Software calcolo Anatocismo e Usura Conto Corrente

Software verifica numeri debitori calcolo per l'esclusione di interessi usurari conto corrente

Il software anatocismo e usura Riteg Bank è utile all’analisi di tutti i rapporti bancari.

In questa sezione vedremo come è possibile utilizzare il software per il calcolo di anatocismo e il calcolo di interessi usurari nel rapporto di Conto Corrente.

E’ possibile utilizzare il software sia per l’analisi da estratto conto, prendendo in considerazione tutti i movimenti giornalieri presenti, sia rilevando i dati dai soli estratti conto scalare comprensivi delle competenze bancarie addebitate.

Sarà così possibile il calcolo degli interessi anatocistici maturati e la verifica di interessi usurari eventualmente presenti

Una delle principali funzioni del software anatocismo Riteg Bank è senza dubbio il ricalcolo del saldo, funzione utile ad eliminare l’effetto provocato dall’anatocismo bancario. Questa funzionalità ha essenzialmente due scopi:

  • da la possibilità di escludere gli interessi anatocistici maturati durante il rapporto grazie al ricalcolo delle competenze bancarie addebitate senza alcuna capitalizzazione;
  • consente il ricalcolo del saldo di conto corrente con qualsiasi tipologia di capitalizzazione, utilizzando i tassi sostitutivi di legge 117 TUB, il Tasso legale 1284 cc o altre tipologie di tassi a scelta dell’operatore tutte scaricate automaticamente.

Il software anatocismo Riteg Bank è particolarmente apprezzato perchè consente una totale personalizzazione dei parametri per il calcolo di interessi anatocistici poichè consente, eventualmente, di effettuare entrambe le operazioni sopra descritte, ossia di escludere l’anatocismo e di effettuare il ricalcolo del saldo di conto corrente utilizzando anche i tassi sostitutivi.

Questa funzionalità è molto utile per i CTP e per i CTU nel momento in cui si trovano a dover rispondere a quesiti peritali che richiedono il ricalcolo di interessi, al fine di ricostruire il saldo del conto corrente escludendo gli effetti generati dagli interessi anatocistici dovuti alla capitalizzazione trimestrale.

Nel link di seguito un pratico esempio di come è possibile rispondere ai quesiti peritali grazie all’utilizzo delle funzioni calcolo anatocismo e calcolo tasso usura.

Nello specifico sarà possibile verificare come ricalcolare il saldo del conto corrente escludendo gli interessi anatocistici ed utilizzando i tassi sostitutivi.

Nell’esempio sono stati utilizzati i tassi sostitutivi BOT minimi per gli interessi debitori e i tassi sostitutivi BOT massimi per gli interessi creditori.

Qui il link all’esempio: https://www.calcoloanatocismousura.it/ricostruzione-saldo-determinazione-teg/

Un’altra delle principali funzionalità che contraddistingue il software anatocismo e usura Riteg Bank è la verifica della presenza di usura bancaria grazie al calcolo tasso usura TEG e al calcolo di interessi usurari.

Il calcolo tasso usura TEG viene effettuato utilizzando sia la formula Banca d’Italia che la formula di Matematica Finanziaria dove gli interessi, le commissioni e le spese vengono tutte rapportate ai soli numeri debitori, escludendo la seconda parte della formula prevista della Banca d’Italia in cui oneri e commissioni vengono rapportate all’accordato.

Software anatocismo e usura Ritg Bank Web per conti correnti, mutui e leasing

Quali tipologie di conto corrente è possibile analizzare?

Il software anatocismo e usura Riteg Bank permette di analizzare:

  • Conto corrente ordinario con/senza affidamento
  • Conto Anticipi
  • Conto SBF
  • Conto corrente ordinario collegato a conto Anticipi/SBF
  • Apertura di credito ipotecaria
Software anatocismo e usura Ritg Bank Web per conti correnti, mutui e leasing
Riteg Bank Web - Usura, ricalco interessi, anatocismo nel conto corrente

Calcolo Anatocismo

Per effettuare le elaborazioni il software anatocismo Riteg Bank necessita dell’inserimento dei dati base relativi a tutta la movimentazione presente negli estratti conto e di tutte le competenze bancarie e  i tassi nominali presenti negli estratti conto scalare.

Dopo l’inserimento dei dati base sarà possibile sviluppare tutte le ipotesi di calcolo inerenti il calcolo dell’anatocismo, dal ricalcolo del saldo di conto corrente escludendo gli interessi anatocistici al calcolo dell’anatocismo maturato durante l’intero rapporto per via della capitalizzazione delle competenze bancarie addebitate.

Lista movimenti estratto conto

Inserimento Dati

Lista Movimenti da Estratto Conto

Il software anatocismo e usura Riteg Bank è stato sviluppato con l’ottica di eccellere non solo per l’affidabilità degli algoritmi di calcolo di anatocismo ed usura ma anche per la velocità di inserimento dati, elemento cardine per l’ottimizzazione del tempo di lavorazione di una pratica. Grazie ad automatismi e codifiche, il software memorizza alcuni parametri come l’anno o il mese ed offre una serie di descrizioni predefinite che possono essere personalizzate a scelta dell’operatore e riutilizzate attraverso scorciatoie da tastiera.

I dati che dovremo inserire riferiscono ai movimenti presenti in estratto conto:

  • Data operazione → indica il giorno in cui è avvenuta l’operazione contabile registrata sul conto;
  • Data valuta → indica il giorno al partire dal quale si acquisisce/perde la disponibilità giuridica della somma oggetto di operazione contabile;
  • Importo dare → indica la somma addebitata sul conto corrente per il movimento bancario oggetto di inserimento;
  • Importo avere → indica la somma accreditata sul conto corrente per il movimento bancario oggetto di inserimento;
  • Descrizione → descrive l’operazione eseguita.
Riteg Bank Web - Inserimento competenze

Lista Competenze Bancarie

Accedendo alla funzione Competenze sarà possibile inserire le competenze bancarie addebitate trimestralmente riportate nell’estratto conto scalare. L’inserimento delle competenze bancarie è indispensabile per calcolare il tasso usura TEG trimestrale. I dati da inserire saranno:

  • Data E/C Scalare → identifica la data in cui vengono addebitate le competenze bancarie nell’estratto conto scalare;
  • Interessi Debito →  riferisce all’ammontare dei soli interessi bancari addebitati nel trimestre di riferimento;
  • M.S. → riferisce all’ammontare di commissioni di massimo scoperto addebitate nel trimestre di riferimento;
  • Spese trimestrali → riferisce alle spese non strettamente connesse all’erogazione del credito e che solitamente non vengono incluse nel calcolo tasso usura TEG. Tuttavia il software, permettendo qualsiasi ipotesi di calcolo, da l’opportunità all’operatore di decidere di includerle nel calcolo tasso usura TEG;
  • Spese Fisse → riferisce alle spese strettamente connesse all’erogazione del credito e pertanto vengono incluse nel calcolo del tasso usura TEG;
  • Bolli → riferisce all’imposta di bollo pagate;
  • Interessi Credito → inserire l’ammontare di interessi bancari accreditati nel trimestre di riferimento.
Riteg bank Web - Tassi nominali presenti in E/C

Tassi Nominali E/C

Accedendo alla funzione tassi nominali da estratto conto sarà possibile inserire i tassi nominali a Debito, i tassi nominali a Credito, i tassi SBF ed i tassi CMS presenti nell’estratto conto scalare. Potremo inoltre inserire fino a 4 diversi scaglioni di affidamento. L’inserimento dei tassi nominali sarà indispensabile per il calcolo delle elaborazioni contabili.

Per l’inserimento dei tassi nominali dovremo inserire:

  • Data E/C Scalare → identifica la data in cui vengono applicati i tassi nominali;
  • Tasso → viene indicato il tasso nominale applicato;
  • Scaglione Affidamento → identifica il range di affidamento entro il quale viene applicato il tasso precedentemente inserito.
Lista movimenti estratto conto

Gestione Affidamenti

Con questa funzione è possibile inserire, modificare o cancellare gli scaglioni di affidamento, sia per i tassi nominali (Debito, Credito, CMS) che per i tassi di ricalcolo (Debito, Credito, CMS). È inoltre possibile impostare 3 diversi scaglioni di affidamento nei periodi di decorrenza dei tassi. Vediamo come procedere:

  • Selezionare il tasso nominale o tasso di ricalcolo sul quale intervenire;
  • Selezionare le date in cui applicare il tasso selezionato;
  • Selezionare lo scaglione di affidamento entro il quale applicare il tasso selezionato.
Parametri del ricalcolo
Saldo finale del Ricalcolo
Azzeramento dell'anatocismo mediante ricalcolo - Stampa dei movimenti ricostruiti

Calcolo Anatocismo da Estratto Conto

Dopo aver completato l’operazione di inserimento dati, siamo ora in grado di poter utilizzare tutte le funzioni di calcolo presenti nel software anatocismo Riteg Bank.

Ricalcolo del Saldo Conto Corrente

Accedendo alla funzione Ricalcolo è possibile il ricalcolo del saldo di conto corrente azzerando le competenze bancarie per poi procedere al ricalcolo delle stesse con i parametri richiesti nel quesito peritale.

Il ricalcolo delle competenze permette di escludere la capitalizzazione trimestrale e di conseguenza l’addebito di interessi anatocistici. Vediamo quali sono i possibili parametri da impostare per effettuare il ricalcolo del saldo:

 

  • Gestione Tassi Ricalcolo: cliccando sulla funzione Gestione Tassi Ricalcolo sarà possibile impostare i tassi a debito, i tassi a credito ed i tassi CMS da utilizzare per il ricalcolo delle competenze bancarie. La scelta dei tassi potrà essere effettuata scegliendo i tassi nominali, i tassi BOT, il tasso legale, il tasso Euribor, i tassi Gazzetta Ufficiale o il tasso soglia usura;
  • Data Operazione o Data Valuta: sarà possibile scegliere se effettuare il ricalcolo del saldo per data operazione o per data valuta. Selezioniamo la tipologia di data da pendere in considerazione per effettuare il ricalcolo.  Se per il calcolo delle competenze bancarie è necessario considerare le valute selezioneremo l’opzione ‘Data Valuta’ altrimenti, se le valute devono essere escluse dal ricalcolo delle competenze bancarie, selezioneremo l’ opzione ‘Data Operazione’.

Sarà inoltre possibile scegliere un ibrido tra le due. Ad esempio sarà possibile scegliere Data operazione in un determinato periodo e Data valuta per il restante periodo o viceversa;

  • Tipologia di Capitalizzazione:
    • Nessuna: l’opzione esclude la capitalizzazione periodica delle competenze bancarie annullando così l’anatocismo maturato nel conto corrente. Gli interessi bancari determinati giorno per giorno, vengono addebitati a fine ricalcolo;
    • Trimestrale: l’opzione addebita gli interessi e le competenze bancarie ricalcolate giorno per giorno ad ogni fine trimestre, riproponendo l’esatto conteggio effettuato dalla banca. Questa modalità di calcolo include gli interessi anatocistici maturati poiché ogni saldo trimestrale successivo conterrà gli interessi e le competenze bancarie addebitate nel trimestre precedente;
    • Semestrale: l’opzione addebita gli interessi e le competenze bancarie ricalcolate giorno per giorno ad ogni fine semestre. Questa modalità di calcolo riduce, ma non esclude, gli interessi anatocistici maturati, poiché ogni saldo semestrale successivo conterrà gli interessi e le competenze bancarie addebitate nel semestre precedente;
    • Annuale: l’opzione addebita gli interessi e le competenze bancarie ricalcolate giorno per giorno ad ogni fine anno. Questa modalità di calcolo riduce notevolmente, ma non esclude, gli interessi anatocistici maturati, poiché ogni saldo annuale successivo conterrà gli interessi e le competenze bancarie addebitate nell’anno precedente.
  • Azzeramento Saldo Iniziale: questa funzione permette di azzerare il saldo di conto corrente iniziale. La funzione è particolarmente utile nei casi in cui il quesito peritale richiede l’azzeramento del primo saldo documentato in virtù della mancanza di estratti conto precedenti, nelle CTP o CTU disposte nell’ambito di procedimenti di opposizione a Decreto Ingiuntivo;
  • Azzeramento operazioni: questa funzione permette di selezionare una descrizione e di escludere dal ricalcolo del saldo di conto corrente tutte le operazioni con la descrizione selezionata. Funzione utile se si non si devono considerare addebiti o accrediti sul conto rivenienti da operazioni specificamente contestate, si pensi ad esempio al ricalcolo del saldo al netto dei derivati swap;
  • Includi nel ricalcolo: impostando una data di partenza è possibile includere nel ricalcolo del saldo di conto corrente importi afferenti operazioni che, generalmente, vengono escluse dal ricalcolo dovendo essere rideterminate. Utilizzando questa funzione l’importo verrà addebitato nella medesima misura originaria, ma potrà essere variato ad esempio, il periodo di capitalizzazione. Nello specifico, le operazioni che potranno essere incluse sono:
    • Spese trimestrali;
    • Commissioni sull’affidamento;
    • Oneri;
    • Interessi derivanti da altri rapporti (ad esempio conti anticipi).
  • Trimestre addebito annuo competenze: la funzione consente di ricalcolare i saldi calcolando gli interessi al 31/12 di ogni anno addebitandoli il giorno 1 marzo dell’anno successivo in ottemperanza all’art. 120 TUB.

Report generati dal Ricalcolo del saldo di conto corrente

Una volta impostati i parametri di ricalcolo del saldo di conto corrente ed avviata l’elaborazione, avremo a disposizione una completa serie di Report (stampabili ed in formato PDF) da poter allegare alla perizia tecnica econometrica:

  • Lista movimenti ricalcolati: è la lista dei movimenti del conto corrente per cui si è provveduto al ricalcolo del saldo. Contiene tutti i movimenti e le nuove competenze bancarie ricalcolate;
  • Riepilogo interessi e Commissioni sull’Affidamento: è il report che riepiloga gli interessi a debito, gli interessi a credito e gli interessi per CMS. Il software raggruppa tali interessi in base al periodo di capitalizzazione scelto in fase di impostazione dei parametri di ricalcolo;
  • Scalare: è lo scalare generato in fase di ricalcolo del saldo. Tramite questo report sarà possibile verificare giorno per giorno:
    • i numeri debitori ed i numeri creditori maturati;
    • i tassi applicati per ogni scaglione di affidamento;
    • gli interessi generati per ogni scaglione di affidamento.
  • Movimenti esclusi: grazie a questo report sarà possibile visionare ed allegare i movimenti esclusi dal ricalcolo del saldo di conto corrente poiché rideterminati, come ad esempio le competenze bancarie;
  • Tassi a Debito: questo report ti da la possibilità di allegare i tassi a debito utilizzati per il ricalcolo degli interessi bancari a debito, divisi per scaglioni di affidamento (se impostati);
  • Tassi CMS: il report contiene i tassi CMS utilizzati per il ricalcolo delle commissioni di massimo scoperto. Anche in questo caso i tassi sono divisi per scaglioni di affidamento (se impostati);
  • Tassi a Credito: il report contiene i tassi a Credito utilizzati per il ricalcolo degli interessi bancari a credito. I tassi sono divisi per scaglioni di affidamento (se impostati);
  • Tassi SBF: il report contiene i tassi SBF utilizzati per il ricalcolo degli interessi salvo buon fine. Anche in questo caso i tassi sono divisi per scaglioni di affidamento (se impostati);
Calcolo anatocismo da Estratto Conto - Calcolo degli interessi anatocistici

Calcolo Anatocismo su Competenze Bancarie

Competenze bancarie e calcolo Interessi Anatocistici

Il software anatocismo e usura Riteg Bank con la funzione Calcolo Anatocismo Competenze Bancarie consente il calcolo degli interessi anatocistici generati dalle competenze bancarie addebitate e la creazione di appositi Report da poter allegare alla perizia tecnica econometrica. Nello specifico permette di suddividere il calcolo degli interessi anatocistici generati dagli interessi bancari, dalle commissioni di massimo scoperto e dalle spese trimestrali addebitate.

Avviando l’elaborazione avremo la possibilità di visionare e stampare i diversi report:

  • Calcolo Interessi Anatocistici su Interessi a Debito: questo report mostra gli interessi anatocistici prodotti dall’addebito degli interessi a debito trimestrali, permettendo il confronto tra il totale degli interessi addebitati e gli interessi anatocistici maturati. Il report è così suddiviso:
    • Data: indica la data del movimento da estratto conto in cui avviene l’addebito/accredito;
    • Dare/Avere: indica se il movimento è addebitato o accreditato;
    • Saldo: indica il saldo progressivo del conto corrente;
    • Giorni: indica il numero di giorni sui quali sono stati calcolati gli interessi;
    • Tasso: indica il tasso applicato per il calcolo degli interessi;
    • Interessi: viene indicata la somma di interessi addebitati nel trimestre di riferimento;
    • Interessi totali: indicano la somma progressiva degli interessi addebitati ad una certa data;
    • Anatocismo: indica la parte di interessi anatocistici maturati con l’addebito degli Interessi.
  • Calcolo Interessi Anatocistici su Commissioni di Massimo Scoperto: il report mostra gli interessi anatocistici prodotti dall’addebito delle commissioni di massimo scoperto, permettendo il confronto tra CMS addebitate e interessi anatocistici maturati. Il report è così suddiviso:
    • Data: indica la data del movimento da estratto conto in cui avviene l’addebito/accredito;
    • Dare/Avere: indica se il movimento è addebitato o accreditato;
    • Saldo: indica il saldo progressivo del conto corrente;
    • Giorni: indica il numero di giorni sui quali sono state calcolate le CMS;
    • Tasso: indica il tasso applicato per il calcolo delle CMS;
    • CMS: viene indicata la somma di CMS addebitate nel trimestre di riferimento;
    • CMS totali: indicano la somma progressiva delle CMS addebitate ad una certa data;
    • Anatocismo: indica la parte di interessi anatocistici maturati con l’addebito delle CMS.
  • Calcolo Interessi Anatocistici su Spese Trimestrali e Spese fisse: il report mostra gli interessi anatocistici prodotti dall’addebito delle Spese, permettendo il confronto tra Spese addebitate e interessi anatocistici maturati. Il report è così suddiviso:
    • Data: indica la data del movimento da estratto conto in cui avviene l’addebito/accredito;
    • Dare/Avere: indica se il movimento è addebitato o accreditato;
    • Saldo: indica il saldo progressivo del conto corrente;
    • Giorni: indica il numero di giorni sui quali sono state calcolate le Spese;
    • Tasso: indica il tasso applicato per il calcolo delle Spese;
    • Spese: viene indicata la somma relativa alle Spese addebitate nel trimestre di riferimento;
    • Spese totali: viene indicata la somma progressiva delle Spese addebitate ad una certa data;
    • Anatocismo: indica la parte di interessi anatocistici maturati con l’addebito delle Spese.
  • Riepilogo Calcolo Interessi Anatocistici: grazie a questo report avremo la possibilità di confrontare immediatamente la quota di interessi anatocistici maturati su Interessi, Commissioni sugli Affidamenti e Spese, avendo la possibilità di poterli allegare alla perizia tecnica econometrica.

Calcolo Anatocismo su Movimenti Bancari

Movimenti bancari e calcolo Interessi Anatocistici

Il software anatocismo Riteg Bank con la funzione Calcolo Anatocismo su Movimenti Bancari consente il calcolo degli interessi e relativi interessi anatocistici generati da:

  • specifici Movimenti presenti in estratto conto;
  • competenze bancarie rivenienti da altri rapporti e connessi all’apertura di credito, come ad esempio conti anticipi o conti salvo buon fine;
  • Oneri generici.

Al termine del calcolo è possibile stampare il report in PDF per tutte le tipologie di calcolo. Sarà pertanto possibile allegare il report alla perizia tecnica econometrica.

Di seguito i Report prodotti:

  • Calcolo Interessi Anatocistici su Movimenti generici: selezionando una qualsiasi descrizione presente sarà possibile determinare gli interessi prodotti dai movimenti afferenti alla descrizione selezionata ed i relativi interessi anatocistici.

Il report prodotto è così suddiviso:

    • Data: indica la data del movimento da estratto conto in cui avviene l’addebito/accredito;
    • Dare/Avere: indica se il movimento è addebitato o accreditato;
    • Saldo: indica il saldo progressivo del conto corrente;
    • Giorni: indica il numero di giorni sui quali sono stati calcolati gli interessi maturati dall’addebito in estratto conto dei movimenti afferenti la descrizione selezionata;
    • Tasso: indica il tasso applicato per il calcolo degli interessi maturati dall’addebito in estratto conto dei movimenti afferenti la descrizione selezionata;
    • Importo: viene indicata la somma di interessi addebitati nel trimestre di riferimento e maturati dall’addebito in estratto conto dei movimenti afferenti la descrizione selezionata;
    • Importo totale: indica la somma progressiva degli interessi addebitati ad una certa data e maturati dall’addebito in estratto conto dei movimenti afferenti la descrizione selezionata;
    • Anatocismo: indica la parte di interessi anatocistici maturati dall’addebito in estratto conto dei movimenti afferenti la descrizione selezionata.
  • Calcolo Interessi Anatocistici su Competenze bancarie derivanti da altri rapporti: selezionando le competenze bancarie derivanti da altri rapporti, sarà possibile calcolare gli interessi maturati ed i relativi interessi anatocistici.

Il report prodotto è così suddiviso:

    • Data: indica la data del movimento da estratto conto in cui avviene l’addebito/accredito;
    • Dare/Avere: indica se il movimento è addebitato o accreditato;
    • Saldo: indica il saldo progressivo del conto corrente;
    • Giorni: indica il numero di giorni sui quali sono stati calcolati gli interessi maturati dall’addebito in estratto conto delle competenze derivanti da altri rapporti;
    • Tasso: indica il tasso applicato per il calcolo degli interessi maturati dall’addebito in estratto conto delle competenze derivanti da alti rapporti;
    • Importo: vengono indicati gli interessi maturati dall’addebito in estratto conto delle competenze derivanti da altri rapporti nel trimestre di riferimento;
    • Importo totale: indica la somma progressiva degli interessi maturati dall’addebito in estratto conto delle competenze derivanti da alti rapporti;
    • Anatocismo: indica la parte di interessi anatocistici maturati dall’addebito in estratto conto delle competenze rivenienti da altri rapporti.
  • Calcolo Interessi Anatocistici su Oneri generici: selezionando la descrizione inerente le spese generiche sostenute in estratto conto, sarà possibile il calcolo degli interessi e dei relativi interessi anatocistici maturati.

Il report prodotto è così suddiviso:

    • Data: indica la data del movimento da estratto conto in cui avviene l’addebito/accredito;
    • Dare/Avere: indica se il movimento è addebitato o accreditato;
    • Saldo: indica il saldo progressivo del conto corrente;
    • Giorni: indica il numero di giorni sui quali sono stati calcolati gli interessi maturati dall’addebito delle spese in estratto conto;
    • Tasso: indica il tasso applicato per il calcolo degli interessi maturati dall’addebito delle spese in estratto conto;
    • Importo: vengono indicati gli interessi maturati dall’addebito delle spese in estratto conto;
    • Importo totale: indica la somma progressiva degli interessi dall’addebito delle spese in estratto conto;
    • Anatocismo: indica la parte di interessi anatocistici maturati dall’addebito delle spese in estratto conto.

Calcolo Anatocismo da Scalare

Il software anatocismo e usura Riteg Bank permette con la funzione Calcolo Anatocismo da Scalare di stimare gli interessi anatocistici maturati nel rapporto considerando i soli dati presenti nell’estratto conto scalare.

Inserimento Dati da scalare

Prima di procedere al calcolo degli interessi anatocistici o al calcolo tasso usura TEG sarà necessario inserire i dati presenti nell’estratto conto scalare.

Pertanto dovremo inserire i seguenti dati:

  • Data → riferisce alla data presente sull’estratto conto scalare;
  • Interessi Debito → riferisce agli eventuali interessi addebitati nel trimestre;
  • C.M.S. → riferisce alle eventuali commissioni sugli affidamenti addebitati nel trimestre;
  • Spese Trimestrali → riferisce alle spese non strettamente connesse all’erogazione del credito e solitamente non vengono incluse nel calcolo del tasso usura TEG. Tuttavia il software, permettendo qualsiasi ipotesi di calcolo, da l’opportunità all’operatore di decidere di includerle nel calcolo tasso usura TEG;
  • Spese Fisse → riferisce alle spese strettamente connesse all’erogazione del credito e pertanto vengono incluse nel calcolo del tasso usura TEG;
  • Numeri Debitori → riferisce ai numeri debitori eventualmente presenti nell’estratto conto scalare e sono calcolati moltiplicando il saldo negativo giornaliero per il numero di giorni in cui il saldo è rimasto invariato;
  • Affidamento → indica l’ammontare dell’affidamento concesso.

 

Una volta inseriti tutti i trimestri sarà necessario, con un semplice passaggio, importare i tassi soglia usura.

Ricalcolo interessi e calcolo anatocismo da scalare

Una volta inseriti tutti i trimestri ed importati i tassi sarà possibile lanciare la funzione per il ricalcolo degli interessi e per il calcolo degli interessi anatocistici maturati nel conto corrente.

Sarà quindi possibile stampare in PDF il relativo report che potrà essere allegato alla perizia tecnica econometrica.

Avrai anche la possibilità di stampare in PDF il report relativo alla lista delle competenze bancarie inserite relative ai trimestri inseriti.

Calcolo Anatocismo Prescrizione

Il software per CTU e CTP Riteg Bank permette di individuare le competenze prescritte in base alle S.U. 24418/10 ed alle successive interpretazioni della stessa.

In particolare il software determina dapprima i versamenti solutori e ripristinatori consentendo all’operatore di scegliere:

  • Il momento dal quale fare partire l’indagine, indicando una data precisa;
  • Quale affidamento utilizzare, potendo scegliere tra:
    • Affidamento concesso Tempo per Tempo: prende in considerazione l’affidamento concesso al correntista, rilevato dai contratti di apertura di credito;
    • Massima Esposizione trimestrale: prende in considerazione la massima esposizione trimestrale per ogni singolo trimestre, c.d. fido di fatto;
    • Affidamento concesso Tempo per Tempo (Apertura di Credito ad uso promiscuo): laddove i contratti non coprono l’intera durata del conto corrente, ma solo una parte, l’operatore può scegliere di utilizzare in parte l’affidamento come rilevato dai contratti ed in parte il fido di fatto coincidente con l’esposizione massima registrata su base trimestrale;
    • Nessun affidamento: l’operatore può decidere che nessun affidamento è esistente e quindi impostare il valore zero quale limite del fido.

È inoltre possibile scegliere se determinare le rimesse solutorie/ripristinatorie considerando i saldi:

  • Da estratto conto: selezionando questa opzione il calcolo della prescrizione verrà effettuato prendendo in considerazione l’estratto conto originario senza modificarlo in alcun modo;
  • Ricalcolato: il calcolo della prescrizione viene effettuato sui movimenti ottenuti dopo la ricostruzione del saldo di conto corrente ottenuto grazie alla funzione Ricalcolo del software secondo i parametri impostati dall’operatore;
  • Capitale: il calcolo della prescrizione viene effettuato considerando tutti i movimenti ricalcolati in linea capitale escludendo i movimenti riferiti alle competenze bancarie secondo Cass. Civ. 9140 del 19/05/2020.

 

Determinate le rimesse solutorie il software calcolo prescrizione conto corrente determina e quantifica su base trimestrale le competenze bancarie prescritte.

A questo punto è possibile lanciare il ricalcolo, che ricalcolerà le competenze solo nei trimestri non coperti da prescrizione.

Tutte le elaborazioni contabili descritte sono riepilogate in chiari ed esaustivi report pdf personalizzati con il nome del professionista.

prova gratis Riteg Bank Web, il software anatocismo certificato per il conto corrente

Calcolo Tasso Usura e Calcolo Interessi usurari

Calcolo TEG e Calcolo TAE

Il software calcolo usura bancaria conto corrente Riteg Bank permette di calcolare sia l’usura sopravvenuta grazie alla funzione Calcolo TEG, sia l’usura originaria, grazie alla funzione Calcolo TAE che permette il calcolo  del tasso effettivo di ogni contratto considerando – se si desidera – anche gli oneri connessi all’erogazione del credito ricavabili dal contratto, raffrontando automaticamente i tassi calcolati con i tassi soglia usura di riferimento.

Il software di calcolo anatocismo e usura Riteg Bank permette di agire su qualsiasi parametro che incide sul calcolo dell’usura bancaria, permettendoti di impostare molteplici ipotesi di calcolo con pochi click.

Calcolo TEG da estratto conto
Risultati del calcolo del TEG

Calcolo Usura Originaria sui contratti

Il software calcolo usura conti correnti Riteg Bank permette il calcolo dell’usura originaria sui contratti considerando sia il TAE sia l’incidenza degli oneri sul TAE. Il Tasso Annuo Effettivo è il tasso che rappresenta gli effetti della capitalizzazione periodica sul tasso base nominale indicato nel contratto.

Grazie al software il calcolo dell’usura originaria sarà semplice e veloce e sarà sufficiente impostare alcuni parametri ricavabili nel contratto quali:

 

  • Capitalizzazione:
    • Mensile: il TAE verrà calcolato considerando gli effetti della capitalizzazione mensile;
    • Trimestrale: il TAE verrà calcolato considerando gli effetti della capitalizzazione trimestrale;
    • Semestrale: il TAE verrà calcolato considerando gli effetti della capitalizzazione semestrale;
    • Annuale: il TAE verrà calcolato considerando gli effetti della capitalizzazione annuale;
  • Tasso debitore contrattuale: è il tasso nominale debitore previsto dal contratto e sul quale avverrà il calcolo del TAE;
  • Oneri trimestrali: vengono inseriti gli oneri che andranno conteggiati ai fini del calcolo del TAE;
  • Data di sottoscrizione: indica la data di sottoscrizione del contratto;
  • Categoria di operazioni per confronto Tasso Soglia Usura: tramite questo parametro andremo ad impostare il tasso gazzetta ufficiale da prendere in considerazione ai fini della comparazione per stabilire l’eventuale presenza di usura bancaria originaria;

Report Calcolo Usura Originaria (TAE)

Il report generato dal calcolo TAE permette di allegare il calcolo effettuato o la stampa dello stesso. Sarà quindi possibile:

  • visionare il TAN applicato;
  • la percentuale di annualizzazione oneri;
  • il TAEG contrattuale;
  • il tasso soglia usura per il periodo e la categoria di riferimento.

Calcolo Usura Sopravvenuta: Banca d’Italia e Matematica Finanziaria

Il software calcola l’usura sopravvenuta  secondo le formule TEG Banca d’Italia vigenti tempo per tempo e secondo la formula TEG Matematica Finanziaria:

  • Calcolo Formula TEG Banca d’Italia: il software, per il calcolo dell’usura sopravvenuta, calcola automaticamente il tasso effettivo con la formula TEG Banca d’Italia vigente fino al 31/12/2009 e riparte con la formula TEG Banca d’Italia vigente dal 01/01/2010 rilevando in autonomia i periodi di calcolo, prevenendo possibili errori da parte dell’utente. La differenza tra le due formule è nel trattamento degli Oneri. Infatti fino al 31/12/2009 occorreva considerare gli Oneri di competenza del trimestre, invece dal 01/01/2010 il calcolo dell’usura sopravvenuta si complica dovendo considerare gli Oneri su base annua. Tuttavia, nonostante il calcolo sia molto complesso, all’operatore basterà un semplice click per eseguire il calcolo sull’usura sopravvenuta;

 

  • Formula TEG Matematica Finanziaria: per quanto riguarda invece il calcolo dell’usura sopravvenuta con la formula TEG di Matematica Finanziaria, gli oneri, le commissioni ed interessi vengono sommati tra loro e rapportati ai numeri debitori. Sarà l’operatore a scegliere se includere o meno le CMS.

 

Il software calcola l’usura sopravvenuta offrendo all’operatore ulteriori possibilità di scelta dei parametri da utilizzare, quali:

  • Inclusione CMS nel TEG trimestrale fino al 31/12/2009: sebbene vi sia una autonoma funzione di calcolo delle CMS conforme alle S.U. 16303/18, è possibile anche un diverso trattamento delle CMS, in virtù del fatto che la formula TEG Banca d’Italia è stata oggetto di modifica a far data dal 1 Gennaio 2010. La modifica infatti ha riguardato la Commissione di Massimo Scoperto. Fino al 31/12/2009 si dibatteva sulla inclusione o meno della CMS nella componente Interessi piuttosto che negli Oneri su base annua. Pertanto attivando questa funzione sarà possibile includere la CMS nella componente Interessi;
  • Accordato da utilizzare nel TEG trimestrale: la formula TEG Banca d’Italia prevede, nella seconda parte della formula, l’utilizzo dell’Accordato. Il software anatocismo e usura Riteg Bank permette di utilizzare diverse interpretazioni di accordato, scegliendo tra:
    • Affidamento concesso Tempo per Tempo: prende in considerazione l’affidamento concesso al correntista, rilevato dai contratti di apertura di credito;
    • Massima Esposizione trimestrale: prende in considerazione la massima esposizione trimestrale per ogni singolo trimestre c.d. fido di fatto;
    • Affidamento concesso Tempo per Tempo (Apertura di Credito ad uso promiscuo): laddove i contratti non coprono l’intera durata del conto corrente, ma solo una parte, l’operatore può scegliere di utilizzare in parte l’affidamento come rilevato dai contratti ed in parte il fido di fatto coincidente con l’esposizione massima registrata su base trimestrale;
    • Nessun affidamento: l’operatore può decidere che nessun affidamento è esistente e quindi impostare il valore zero quale limite del fido.

 

Il software calcolo usura Riteg Bank è sempre aggiornato, sia con la giurisprudenza che con la dottrina, e considera tutti gli orientamenti, anche quelli considerati minoritari. Tanto allo scopo di offrire all’utente la possibilità di sviluppare qualsiasi calcolo, senza minimamente condizionare le scelte del CTU o del CTP. Tale caratteristica permette al software di essere neutrale nell’impostazione dei calcoli e la sua duttilità offre la possibilità di sviluppare anche diverse ipotesi sullo stesso file.

Per tali ragioni il software consente di intervenire liberamente all’operatore anche su parametri quali i Numeri Debitori, sia nell’utilizzo della formula Bankitalia che nella formula di Matematica Finanziaria, consentendo di considerare o meno l’anatocismo quale costo rilevante ai sensi dell’art. 644c.p. ai fini del calcolo del tasso effettivo secondo due diverse modalità:

  • Numeri Debitori Scalare: è la metodologia più utilizzata e considera i Numeri Debitori quale prodotto dei saldi trimestrali così come rilevati in estratto conto originario per i giorni valuta rilevati dall’estratto conto originario. Secondo l’interpretazione principale tale metodologia consente di offrire omogeneità tra il tasso calcolato ed il tasso soglia usura di riferimento;
  • Numero Debitori Capitale: è la metodologia che parte dalla dottrina (Dolmetta) e dalla Giurisprudenza (GIP Trento, Tribunale Forlì) che considerano aderente alla ratio della L. 108/96, poichè consente di considerare l’effetto della capitalizzazione periodica quale moltiplicatore del costo del credito rilevante ai fini dell’usura. Scegliendo tale opzione di calcolo il software depura i Numeri Debitori dall’effetto dell’anatocismo.

 

Quanto alla gestione del Tasso Soglia Usura, il software permette l’importazione automatica dei tassi soglia rilevati in Gazzetta Ufficiale. È possibile impostare la tipologia di tasso al fine di comparare il tasso soglia pubblicato in Gazzetta Ufficiale con il tasso usura effettivamente determinato su base trimestrale.

Il software permette anche di impostare una differente tipologia di tassi soglia per un differente arco temporale, ad esempio dapprima conto corrente senza affidamento e poi apertura di credito.

Una volta impostati i tassi soglia e lanciata l’elaborazione viene calcolato il tasso effettivo TEG di ogni singolo trimestre e automaticamente comparato con il tasso soglia usura di riferimento. Nel rispettivo report generato viene evidenziato il TEG calcolato e l’eventuale superamento del tasso soglia usura.

 

In definitiva, con il programma di calcolo anatocismo e usura Riteg Bank potrai sviluppare il calcolo del tasso usura TEG secondo molteplici opzioni e sarà sempre possibile, in maniera del tutto automatizzata, confrontare il TEG calcolato con il Tasso Soglia Usura del trimestre di riferimento, così da verificare immediatamente l’eventuale presenza di interessi usurari e generare i relativi report da allegare alla perizia tecnica econometrica.

Calcolo TEG da estratto conto - Report di calcolo con numeri debitori banca e formula della matematica finanziaria
Cacolo del TEG e verifica del superamento del tasso soglia

Report generati per il calcolo TEG

Una volta terminata la fase di impostazione dei parametri e lanciata la funzione Calcolo TEG, avremo a disposizione numerosi report da poter consultare per l’analisi del tasso TEG.

Il principale report riepilogativo del calcolo offre immediatamente tutti i parametri utilizzati per il calcolo del tasso usura TEG.

In primo piano vi sono le formule utilizzate e ciascun componente della formula è colorato come la successiva colonna di dati cui opera riferimento, tanto rende intuitiva la consultazione del report. I principali dati indicati variano a seconda delle diverse opzioni scelte:

  • Numeri Debitori Banca: questo calcolo del TEG considera i numeri debitori quale prodotto dei saldi trimestrali così come rilevati in estratto conto originario per i giorni valuta rilevati dallo stesso. Questa tipologia di calcolo prevede 2 differenti applicazioni:
    • Formula TEG Banca d’Italia: la formula prevede due membri, il primo rapporta gli interessi ai numeri debitori, il secondo, rapporta gli oneri su base annua e le commissioni all’accordato, che può consistere nell’esposizione massima trimestrale, nell’affidamento concesso oppure essere sia l’uno che l’altro in base all’effettivo utilizzo;
    • Formula TEG Matematica Finanziaria: la formula prevede l’utilizzo dei numeri debitori come denominatore unico per interessi, commissioni, spese ed oneri.
  • Numeri Debitori Capitale: questo calcolo del TEG permette di considerare l’effetto della capitalizzazione periodica quale moltiplicatore del costo del credito rilevante ai fini dell’usura. Anche questo calcolo prevede 2 differenti applicazioni:
    • Formula TEG Banca d’Italia: gli Oneri (e le CMS a partire dal 2010) vengono rapportati all’accordato, che può consistere nell’esposizione massima trimestrale, nell’affidamento concesso oppure essere sia l’uno che l’altro in base all’effettivo utilizzo;
    • Formula TEG Matematica Finanziaria: determina il TEG effettuando la somma di interessi, spese, oneri e commissioni rapportandoli ai numeri debitori riferiti al solo capitale.
  • Interessi trimestrali: sono gli interessi addebitati nel trimestre di riferimento così come ricavati dal riepilogo delle competenze nell’estratto conto scalare;
  • Oneri: sono gli oneri trimestrali fino al 31/12/2009 o su base annua dal 01/01/2010;
  • Affidamenti: il report evidenzia, trimestre per trimestre, l’affidamento utilizzato, o l’importo dell’esposizone massima , o ancora l’assenza di fido, in base alle scelte dell’operatore.

 

Oltre al report riepilogativo è possibile per ciascuno dei dati presenti stampare un report di dettaglio attraverso il quale si evince la formazione del dato finale.

Report delle CMS soglia usura
Calcolo delle CMS soglia usura

Calcolo usura CMS Sezioni Unite 16303/18

Come sviluppare il calcolo tasso usura CMS

Il software calcolo usura Riteg Bank consente la verifica dell’usura bancaria delle CMS ai sensi della sentenza a Sezioni Unite 16303/18. La sentenza considera la c.d. Teoria dei Margini, secondo la quale non è sufficiente che l’aliquota di CMS applicata ecceda la CMS soglia usura, ma è necessario che l’addebito della CMS trimestrale ecceda anche il margine eventualmente disponibile di interessi trimestrali rispetto alla soglia usura stabilita nei Decreti Ministeriali.

Il calcolo CMS usura sviluppato dal software Riteg Bank prevede un algoritmo molto complesso ma reso intuitivo ed agevole per l’operatore. Inoltre grazie ai report chiari ed intuitivi sarà facile controllare sia il calcolo relativo all’usurarietà delle CMS che gli esiti dello stesso.

Il software compara le CMS addebitate con le CMS soglia usura, contemporaneamente calcola il margine di interessi eventualmente disponibile rispetto al limite di legge, incrocia i dati ed offre il risultato.

 

Il calcolo può essere effettuato secondo le due diverse modalità:

  • Numeri Debitori Banca: considera i numeri debitori quale prodotto dei saldi trimestrali così come rilevati in estratto conto originario per i giorni valuta rilevati da estratto conto;.
  • Numeri Debitori Capitale: permette di considerare l’effetto della capitalizzazione periodica quale moltiplicatore del costo del credito rilevante ai fini dell’usura.

Il tutto è riepilogato in un report in pdf personalizzato con il nome del professionista da allegare alla perizia econometrica.

Software anatocismo e usura Riteg bank Web. Grafico istogramma

Grafici calcolo Anatocismo e calcolo usura bancaria

Il software anatocismo e usura Riteg Bank offre una completa e dettagliata quantità di report analitici attraverso i quali è possibile dimostrare i risultati delle conclusioni raggiunte mediante analitico dettaglio dell’iter di formazione di ognuno dei dati offerti.

Tutti i dati vengono riepilogati anche nei grafici che consentono di ottenere a prima vista una comprensione rapida e immediatamente comprensibile dell’andamento economico del rapporto.

I principali report grafici sono:

  • Torta: il grafico a torta mostra la scomposizione del costo totale del credito sostenuto dal correntista (interessi anatocistici, interessi su commissioni, interessi su spese,  commissioni sugli affidamenti, valute, ed in generale tutti i costi addebitati in estratto conto)
  • Competenze: il grafico ad asse cartesiano riporta l’andamento delle competenze bancarie addebitate e scomposte in Interessi a debito, Commissioni sugli affidamenti, Spese, Interessi a Credito. Sarà quindi possibile verificare trimestre per trimestre le competenze bancarie addebitate;
  • Tasso Trimestrale Banca d’Italia con numeri banca e numeri capitale: viene rappresentato graficamente l’andamento del tasso TEG e confrontato con il tasso soglia usura di riferimento,
  • Tasso Trimestrale Matematica Finanziaria con numeri banca e numeri capitale: viene rappresentato graficamente l’andamento del tasso TEG e confrontato con il tasso soglia usura di riferimento;
  • Tasso Effettivo Globale: il grafico permette il raffronto tra diversi indici. E’ infatti possibile confrontare nello stesso asse cartesiano il Tasso Medio Soglia Usura, il TEG calcolato escludendo le Commissioni sugli Affidamenti ed il TEG calcolato utilizzando i numeri banca. Sarà così possibile verificare l’andamento dei tassi trimestre per trimestre;
  • Anatocismo: è il grafico che rappresenta l’andamento, trimestre per trimestre, degli interessi anatocistici addebitati durante tutto il rapporto;
  • Credito goduto: il grafico evidenzia l’andamento nel tempo dell’effettivo credito goduto. Il grafico confronta la scopertura media in linea capitale con la scopertura media relativi ai numeri banca.

Revocatoria 67

Utile per i curatori fallimentari, la funzione Revocatoria permette di determinare la revoca degli importi in avere in base alla consistenza e durevolezza delle rimesse, valutando il rapporto in base alla durata, all’importo in avere ed al saldo medio.

Riteg Bank, anatocismo e usura nelle aperture di credito in conto corrente e nei prestiti a rimborso rateale, mutui, leasing e finanziamenti

Report Revocatoria

  • Rimesse revocabili art. 67 L.F.: vengono prese in considerazione le rimesse che soddisfano il principio di durevolezza e consistenza in base ai giorni e all’incidenza in termini percentuali sul saldo medio.

Sarà così possibile determinare la rimessa media, il saldo medio, l’incidenza percentuale e la durata media della rimessa.

  • Calcolo Saldo Medio: il calcolo del saldo medio è il calcolo che il software Riteg Bank effettua per verificare la consistenza della rimessa.
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com